giovedì 18 febbraio 2010

Engagement on Social Networks Top Priority for Marketers

Engagement on Social Networks Top Priority for MarketersJANUARY 26, 2010
Earned media spending to see biggest increase
Though not immune to the recession, digital marketing rode out the downturn, and marketers worldwide are bullish about the space’s prospects in 2010, according to research from the Society of Digital Agencies (SoDA).
The “2010 Digital Marketing Outlook” report found that 81% of the brand executives surveyed expected an increase in digital projects in 2010, and one-half will be moving dollars from traditional to digital budgets. Further, more than three-quarters think the current economy will push more allocations to digital.
Senior marketers reported that social networks and applications were their biggest priority for 2010, followed closely by digital infrastructure. While social media marketing looks set to stay top of mind, a majority of respondents considered a range of digital activities at least “important,” with only games failing to inspire widespread interest.

As paid traditional media investments stagnated or decreased, paid digital spending has held steady or gone up, usually by less than 30%. But “unpaid/earned/proprietary” media spending has seen the sharpest rise, with nearly one-fifth of respondents reporting increases of more than 30%. Climbing unpaid-media spending is likely an effect of the increased emphasis on social networks, where the most effective efforts are earned, not bought.
Marketers are looking closely at measures of engagement. Respondents considered time spent on a site to be the most important performance metric, followed by unique page views.

Despite a bright outlook for digital, the report warned marketers that they must keep pushing for advances in the channel.
“Digital agencies must avoid complacency at all costs and continue to focus on driving innovation as well as engaging consumers with relevant dialog in uncharted and fast-moving channels,” said Steve Wages, interim executive director of SoDA, in a statement.
Keep up on the latest digital trends. Learn more about an eMarketer Total Access subscription today.
Check out today’s other article, “UK Women Are Digital Communicators.”



fonte: eMarketer

lunedì 15 febbraio 2010

Content Marketing Tips To Achieve SEO and Social Media Success - Online Marketing Blog

Content Marketing Tips To Achieve SEO and Social Media Success - Online Marketing Blog
As more companies, marketers and industry professionals flood the web with content, the value of those with a true understanding of content marketing keeps going up. More noise increases the value of signal. If your content marketing defines you as that source of signal, you’ll consistently be found, referenced and chosen ahead of competitors. With 6 in 10 marketers spending more on content marketing in 2010, now, more than ever, is the time to find where content fits within your marketing strategy.
Some statistics from Technorati’s 2009 state of the blogosphere back up the efficacy of content marketing:
15% of bloggers say they are paid to give speeches on the topics they blog about
71% of all respondents who maintain blogs for a business – their own or one they work for – report that they have increased their visibility within their industries through their blogs
56% say that their blog has helped their company establish a positioning as a thought leader within the industry
58% say that they are better-known in their industry because of their blog
And as powerful as blogs are – they are just one potential avenue for content marketing. Content marketing includes all marketing formats that involve the creation or sharing of content to engage potential prospects or current consumers. No matter how you’re engaged, continually sharpening your content creation skills is core to being an effective digital marketing or PR professional.
If you’re brand new to the idea of content marketing, the following points by Mike Masnick succinctly describe why it matters:
The captive audience is dead. There is no captive audience online. Everyone surfing the web has billions of choices on what they can be viewing, and they don’t want to be viewing intrusive and annoying ads. They’ll either ignore them, block them or go elsewhere.
Advertising is content. You can’t think of ads as separate things any more. Without a captive audience, there’s no such thing as “advertising” any more. It’s just content. And it needs to be good/interesting/relevant content if you want to get anyone to pay attention to it.
Content is advertising. Might sound like a repeat of the point above, and in some way it is — but it’s highlighting the flip side. Any content is advertising. It’s advertising something.
Hopefully we’ve got your buy-in to the idea of content marketing. TopRank Online Marketing as an agency embraces this for our clients and ourselves, as content marketing lives at the intersection of social media and SEO.
To help readers here, following are 10 tips to help make your content marketing efforts succeed:
1. Ensure all content passes the “So what?” test
A great quote from Chris Garrett sums this up nicely:
A much overlooked aspect though is “So what?”. What should the reader take away? Where is the benefit? Why should we listen to you?
Just churning out content for the sake of going through the process is setting yourself up for failure. Unless you’ve got a model like Demand Media and would benefit from being fast, cheap and profitable as hell, go the other route and refine all ideas to pass the “So what?” test. Especially if you’re in B2B – the goal of content marketing is usually to inspire trust, grow your reputation and influence your market. Throw-away content accomplishes none of these things.
2. Create remarkable content, take chances, stand out
With some 900,000 blog posts published every 24 hours, and more than 20 hours of video uploaded every minute to YouTube as just two examples, how do you expect to stand out with “vanilla” content? If you’re going to play it safe or regurgitate what is being done by others you’ve got almost no chance to succeed unless you already have a large community built you can tap. And even then, as we add layer upon layer of aggregation, sharing and filtering to the web it’s still possible to be ignored. You need to consistently break the mold, be an unmissable resource or in some way stand out to make your content heard.
3. Speed and agility are factors
If your content marketing efforts are agile enough to touch audiences in a timely manner, you’ll be top-of-mind for prospects vs. slow moving competitors who have complex approval processes. Again and again, the web rewards nimble companies far more than those who are restricted or micromanaged.
4. Personality is essential
We connect deepest with content that has a voice and personality behind it. No one enjoys reading the language on a corporate website. It’s cold and impersonal and in reality does not connect with audiences, it merely conveys information. Personality and emotion are lacking in most corporate and business communications, and this has carried over into the content marketing efforts of many. But, infusing these elements within your content marketing strategy can be a powerful way to not just speak to prospects but connect with them.
5. Content should forge connections
Your content marketing can also accomplish another valuable goal: building connections and relationships. This has both social and SEO returns. Connections can help build inbound links, increase shares in social channels and ultimately help your content gain visibility. Incorporation of these connections should be worked into the content artfully and naturally. Readers may not even realize what is happening, but those you are trying to forge connections with will.
6. Worry less about perfection, more about tone
Be less concerned with being perfect and more concerned with being earnest, thoughtful and genuine. Perfection is severely overrated and minor flaws are forgivable, while the wrong tone can be as detrimental as causing online reputation management issues.
7. Make content scan-able (and attractive)
Make no mistake, your prospects are busy. To treat them as if anything else were true is disrespecting their time. By making your content scan-able, you increase the propensity they will not just scan that content, but if the parts that catch their eye during the scan are worthwhile they will go back to read it. Use headlines, bold text, get creative with your formatting, get designers involved – do whatever it takes to make content attractive and scan-able.
8. Draft sticky headlines
Follow basic headline writing tips and work to create headlines that entice potential visitors to your content in the first place. Without strong headlines, your blog post will get skipped over in a cluttered RSS reader or inbox, your white paper or PDF won’t get passed along and you’ll never penetrate social news sites.
9. Consistency and quality
As we’ve noted here before, every company is now in essence a media company. The quality of your content is how prospects will imagine your service or product to be, and the consistency you produce that content is a signal to how dedicated you are. Both are required.
10. Realize promotion can’t help bad content
It’s tempting to try to put a band-aid on bad content with things like advertising or push promotions. But if you have to advertise your content, in a sense you’ve already failed. Content marketing should be an organic process, and by advertising your content you’re admitting failure of creating something worth sharing. Push promotion on the social web is similar to this – you’re ultimately going to have to face the fact that your content isn’t working on its own to naturally connect with people. Now, that’s not to say you can’t help good content travel (this is one of the 16 rules of social media optimization) but by trying to force bad content to spread you’re wasting resources.
As many readers here are engaged in content marketing on a daily basis, we’d love to hear your thoughts. What content marketing tips have you found most helpful?

Hotel blog: come migliorare il posizionamento con “contenuti freschi” | Booking Blog™ - Il blog del Web Marketing Turistico

Hotel blog: come migliorare il posizionamento con “contenuti freschi” Booking Blog™ - Il blog del Web Marketing Turistico

Non sono molti gli hotel in Italia dotati di un blog: spesso ne aprono uno ma poi lo abbandonano a se stesso, altre volte hanno troppa paura di non avere lettori e commenti o di non trovare il tempo di postare contenuti interessanti… sono molte le giustificazioni di chi non crede nel valore del “weblog”.
Quello che spesso anche gli albergatori dimenticano è che il blog non solo può essere un utile strumento di comunicazione, coinvolgimento e fidelizzazione degli utenti e dei clienti, ma che è anche un eccellente strumento di ottimizzazione del posizionamento del sito sui motori di ricerca.
Google ama i blog
Sulla Rete si dice che “Google ama i blog” e questo perché è continuamente alla ricerca di contenuti “freschi” e aggiornati da offrire agli utenti. Più un sito risulta poco visitato e con contenuti vecchi (quelli che Google chiama “stale document”), più sarà difficile che compaia in cima alle SERP.
Per ottimizzare al massimo un sito dunque non basta lavorare sui tag, sulle keyword, sui link e gli anchor text, ma si deve fare in modo che il sito produca anche “contenuti freschi”, ovvero rilevanti e pubblicati con regolarità (ad esempio una o due volte la settimana). Immaginate il sito di un hotel: è statico, e i suoi contenuti sono aggiornati al massimo una volta ogni anno, dunque l’unico modo perché presenti contenuti dinamici è adottare un blog.
Sebbene i contenuti non siano mai annoverati nella top ten dei fattori di posizionamento, è indubbio che influenzino il posizionamento del sito. Ma perché ciò accada devono essere sempre nuovi e rilevanti, sia per i motori che per gli utenti.
I vantaggi di avere un blog sul sito dell’hotel
Se volete inserire contenuti nuovi sul sito del vostro hotel (eventi, informazioni, ecc), dovreste utilizzare un buon CMS (content management system) oppure creare un blog dell’hotel con una delle tante applicazioni open-source, più semplice e veloce da utilizzare.
Secondo Matt Foster, annoverato tra i top SEO al mondo, includere un blog sul sito del vostro hotel (è sempre bene mantenerlo sotto il vostro dominio principale, ad es. www.hotelexcelsiorparma.it/blog) può portare molti vantaggi:
Aumenterà i link in entrata al vostro sito
Aumenterà la frequenza con cui i motori di ricerca indicizzano il vostro sito (a seconda di quante volte aggiornate i contenuti)
Incrementerà l’interazione con gli utenti e i clienti
Migliorerà il posizionamento sui motori di ricerca
Ovviamente queste sono dirette conseguenze della pubblicazione di testi “rilevanti”. Se vi state chiedendo come creare contenuti “rilevanti” mettetevi nei panni dei vostri utenti e pensate a ciò che potrebbe interessarli e attirare la loro attenzione: non solo offerte speciali e pacchetti particolari tesi a promuovere il vostro hotel, ma soprattutto informazioni sulla vostra destinazione, su eventi culturali, musicali, enogastronomici, oppure su mostre e night life. Mi raccomando: non copiate i contenuti da altri siti, fate in modo che siano unici!
Anche un piccolo post dal contenuto interessante e con parole chiavi pertinenti al vostro hotel può davvero aiutare l’attività del vostro SEO. Qualcuno di voi ha un blog sul sito della struttura e ne ha già saggiato i vantaggi? Fateci visitare il vostro blog!

Travel goes mobile: come creare un sito mobile per il vostro hotel | Booking Blog™ - Il blog del Web Marketing Turistico

Travel goes mobile: come creare un sito mobile per il vostro hotel Booking Blog™ - Il blog del Web Marketing Turistico


Mentre il numero di iPhones, BlackBerry e ogni tipo di Smartphone lievita a livello internazionale e le applicazioni mobile (specialmente quelle della Apple) si moltiplicano senza fine, anche l’universo travel si sta lentamente rendendo accessibile via Mobile. È l’esigenza di andare incontro ai bisogni immediati, del “qui e ora”, di molti viaggiatori, che induce ogni giorno sempre più operatori del turismo a spingersi fin sui cellulari degli utenti.
Come abbiamo ricordato anche in un precedente articolo sulle buone pratiche da adottare nel 2010, i numeri indicano che esiste già una fetta di utenti disponibile ad acquistare o prenotare online sul cellulare: il 67% dei viaggiatori leisure e il 77% di quelli business hanno già utilizzato almeno una volta i loro smartphones o iPhones per trovare servizi locali, come ad esempio un hotel.
Secondo un recente studio della Nielsen Mobile, nel 2008 9,2 milioni di utenti hanno acquistato beni o servizi sul cellulare, ma col passare del tempo sono sempre di più coloro che si sentono a loro agio con il cosiddetto “m-commerce”.
PhoCusWright prevede che nel 2010 si concluderanno prenotazioni per un totale di 160 milioni di dollari in USA: ormai tutto il processo decisionale del viaggiatore può avvenire su mobile, dalla pianificazione del viaggio alla condivisione di recensioni, ma il punto più critico del processo, ovvero la prenotazione, difficilmente avviene su cellulare, anche se probabilmente nel futuro anche questa diventerà una pratica più comune.
“Le aziende del turismo farebbero bene a prestare attenzione alla piccola ma entusiasta minoranza che usa comunemente gli strumenti mobile per attività di ricerca e prenotazione correlate al mondo dei viaggi. Questi primi individui che hanno adottato il sistema sono giovani, aggiornati e soprattutto, assidui viaggiatori”. (PhoCusWright)
iPhone e SmartPhone in Italia e all’estero
In America e altri Paesi anglosassoni, dove l’utilizzo dell’iPhone è già molto diffuso, non si contano più le aziende del turismo consultabili via mobile, dalle più grandi catene alberghiere (Westin; Radisson), alle maggiori OTA (Hotels.com; Priceline), fino alle principali compagnie aeree (United; Lufthansa).
Ma per gli albergatori italiani, varrà davvero la pena realizzare un sito versione mobile? Personalmente fino a pochi mesi fa ero molto scettico sull’argomento, poiché qui in Italia ancora non si sono presentate condizioni davvero vantaggiose per acquistare iPhone o palmari di ultima generazione e mi sembra che la maggioranza degli utenti impieghino ancora semplici cellulari.
Oggi però consiglierei di prendere in considerazione la realizzazione di una versione mobile del sito dell’hotel per diversi motivi:
Se è vero che l’Italia è sempre in ritardo di qualche anno rispetto all’America, c’è da aspettarsi un vero e proprio boom di “melafonini & co.” nei prossimi anni, dunque è bene essere preparati
Rendere disponibili i propri servizi su piattaforma mobile, specie in lingua straniera, equivale a raggiungere una nuova fetta di utenti
Dal momento che si tratta ancora di una pratica poco diffusa nel nostro Paese, realizzare un sito dell’hotel mobile può portare a battere facilmente sul tempo la concorrenza

Le linee guida per creare un buon sito mobile
Una cosa è certa: non pensiate che il sito mobile sia identico a quello online, poiché gli utenti che si rivolgono al mobile hanno esigenze molto diverse dagli utenti Internet. Quali caratteristiche deve possedere dunque il sito mobile di un hotel?
Decidete a quale piattaforma rivolgervi: fare un sito ottimizzato per smartphone e iPhones non è la stessa cosa, decidete con la vostra web agency per quale tipo di piattaforma volete realizzare il sito.
Fate in modo che il vostro sito internet riconosca gli utenti mobile e che questi vengano reindirizzati immediatamente al sito in versione mobile.
Prediligete la semplicità più totale, rendete ben visibili i contatti, limitate al massimo le foto e inserite in ogni pagina i link necessari a rendere la navigazione del sito circolare, in modo che ogni pagina dia accesso anche al resto del sito.
Ottimizzate l’usabilità: fate in modo che il sito sia leggerissimo, con poche pagine di dimensioni inferiori ai 10K. Minimizzate la necessità di muoversi con la barra di scorrimento verso sinistra o destra ma organizzate i contenuti in verticale.
Se decidete di dotare il sito del modulo per la richiesta informazioni, fate in modo che il sistema richieda prima di tutto l’e-mail o il numero di telefono dell’utente: se la connessione cadesse improvvisamente sarete così capaci di recuperare il contatto e la prenotazione.
Ottimizzate il vostro sito mobile per Google Mobile (ricordate che se non siete nella top 3 per le vostre parole chiave più importanti, è come se non ci foste neanche).
Analizzate il sito Mobile come fareste con quello web, grazie a strumenti di web analytics
Qualcuno di voi ha già realizzato una versione mobile del proprio sito? Fateci sapere i tassi di conversione e le impressioni ricevute, siamo molto curiosi!

martedì 18 novembre 2008

DESIGN HOTEL VENEZIA: Palazzo Barbarigo Venezia


Del Canal Grande ha carpito i pacati riflessi argentei delle notti di luna piena, di Venezia il colore impalpabile della foschia autunnale.

Così Palazzo Barbarigo, creatura di un “visionario illuminato”, si è appropriato dell’esprit poliedrico della sua città, donandone un’interpretazione suggerita dall’art déco.

Riconfigurando il palazzo al femminile, immedesimandolo ad una donna che con una nuova ragione di vita, si riappropria del proprio fascino. Di sinuose silhouette ha cosparso le zone comuni, le 18 camere e i bagni. Ogni spazio diventa luogo di appagamento sensoriale.

Ogni ambiente dà spazio a diverse interpretazioni.

È come trovarsi sul set di un film degli anni 40 i cui protagonisti recitano secondo natura: Venezia attraverso le vibranti atmosfere, il Canal Grande fungendo da scintillante passerella d’ingresso, il palazzo di sicuro riferimento per viaggiatori, turisti ed amanti.. estimatori del bello e del design. Su questo set gli ospiti si muovono in assoluta libertà accompagnati in un viaggio di puro glamour e lusso.

Palazzo Barbarigo è la creatura di un “visionario illuminato”:

“Qui l’interior design, concepito e realizzato nei minimi dettagli, lascia spazio all’interpretazione, sprigionando inesauribili sensazioni e pensieri straordinari, come solo questa città nata dal mare riesce a dare.

È questo un glamhotel che si configura come vera e propria officina del design e che adottando, nel movimento dei volumi e degli spazi, i più contemporanei canoni d’architettura, si propone come moderna Visual Art Gallery.

Architectureinterior design: Alvin grassi, Creative Director

mercoledì 1 ottobre 2008

Innovazione nelle vendite dell'hotel


Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad una “geniale” evoluzione del mondo dell’e-commerce con la nascita di tantissimi siti internet in cui è possibile giocare e postare ogni tipo di scommessa: aste al ribasso, poker texano, indovina il prezzo giusto ecc.
Tralasciando di soffermarci sul vuoto normativo, è innegabile la passione per il mondo delle scommesse sul web. Analizzando tale dinamica dal punto di vista sociologico, emerge il desiderio dell’internauta di diventare parte attiva del “sistema digitale” (come già anticipato dalla teoria dell’integrazione digitale: www.vitodibari.net) che, a sua volta, fa di questa tendenza il motore del suo successo.
Il mondo del turismo e dell’hotellerie dovrebbe interpretare e anticipare tale fenomeno..!!
Un esempio ci viene fornito dal T Hotel di Cagliari, il cui management può essere considerato sicuramente un innovatore per quel che riguarda le modalità di vendita on-line e per l’impostazione dei pacchetti e delle offerte specificamente pensati per coinvolgere il visitatore in una sorta di gioco-scommessa:
http://www.thotel.it/2008/offerta-week-end-cagliari/#more-456

venerdì 29 febbraio 2008

On line il Sito ideale per gli Hotel Multitarget




Il T Hotel di Cagliari ha da poco presentato il nuovo portale: www.thotel.it.
Il famoso hotel di Cagliari sembra aver superato in maniera eccellente il classico problema che gli "hotel multitarget" devono affrontare nelle loro scelte di comunicazione on line: Come attirare clientela Leisure in un Business Hotel?

Il T Hotel sembra aver scelto la strada della profilazione del visitatore in ingresso invitando subito ad una scelta obbligata: leisure, business o MICE?

Le tre sezioni fondamentali oltre ad essere identificate da un colore di riferimento, presentano caratteristiche differenti in termini di contenuti fotografici e testuali.

La conversione delle visite in prenotazioni è inoltre agevolata da due aspetti fondamentali:

1)ciascun target di clientela riesce ad accedere e visualizzare offerte speciali e news in linea con i propri interessi.
2)il modulo di prenotazione è ben visibile in ciascuna pagina del sito internet;